Archivi categoria : Musica

24ª edizione del Verbier Festival, Verbier, Svizzera (CH)

Quest’estate, i più grandi solisti internazionali e alcuni tra i giovani musicisti più promettenti della loro generazione si ritroveranno a Verbier, dal 21 luglio al 6 agosto 2017, per la 24ª edizione del Verbier Festival. Vi proponiamo alcuni momenti di spicco di questa edizione 2017.
 

Per l’apertura del festival, Charles Dutoit dirigerà la Salomè in forma di concerto, mentre Esa-Pekka Salonen sarà sul podio per Elektra, due opere di Richard Strauss.
Il pianoforte avrà un posto d’onore, con una decina di artisti emblematici come András Schiff, Barry Douglas, Richard Goode, Nikolaï Lugansky, Evgeny Kissin, Vladimir Feltsman, Yefim Bronfman, Grigory Sokolov, Mikhaïl Pletnev, Sergei Babayan, Yuja Wang e Daniil Trifonov. E ci saranno anche astri nascenti come Lucas Debargue, George Li, o il pianista svizzero Francesco Piemontesi.

Charles Dutoit, Music-Director of the VFO

Il Verbier Festival accoglierà i massimi interpreti del violino, con Joshua Bell, Renaud Capuçon, Janine Jansen, Leonidas Kavakos e Vadim Repin.
Gli artisti si esibiranno anche in combinazioni mai sperimentate prima, in occasione delle Rencontres inédites.

Janine Jansen

Quest’anno, il Verbier Festival ospiterà tre giovani direttori d’orchestra sul podio della Salle des Combins: Joshua Weilerstein, Lahav Shani e Santtu-Matias Rouvali.
Ci saranno anche altri musicisti promettenti, come Pablo Ferrandez, Ji Liu, il sedicenne Daniel Lozakovich, Edgar Moreau, o Dan Zhu.
La Verbier Festival Orchestra eseguirà la Sinfonia N°9 di Mahler sotto la direzione di Gianandrea Noseda, e Vita d’eroe per la bacchetta di Antonio Pappano, al suo grande ritorno a Verbier dopo 19 anni di assenza.

Gianandrea Noseda

Antonio Pappano, © Musacchio & Ianniello

Il Festival sarà costellato di numerosi eventi speciali. In particolare, l’anniversario dei Solisti di Mosca o la serata in cui Leonidas Kavakos avrà “carta bianca”, il concerto di Pink Martini con China Forbes, Thomas Quasthoff e il suo trio jazz e il pianista jazz cubano Chucho Valdés con il suo Quintetto.
Charles Dutoit riveste per l’ultimo anno il ruolo di Direttore Musicale della Verbier Festival Orchestra.
Leader nell’educazione dei giovani, il Verbier Festival accoglierà quest’estate 260 giovani, nell’ambito dei suoi programmi di formazione: l’Academy, la Verbier Festival Orchestra, la Verbier Festival Chamber Orchestra e la Verbier Festival Junior Orchestra.

« Anche quest’estate, ho voluto riunire attorno a un repertorio d’eccezione i più grandi interpreti, che sono certo affascineranno il pubblico, insieme ai giovani musicisti più interessanti. Con tutta l’équipe del Verbier Festival, ci siamo impegnati per condividere la nostra passione per la musica. Vi do appuntamento il 21 luglio, alle 19, a Verbier! »Martin T:son Engstroem, Fondatore e Direttore generale del Verbier Festival.


Il Verbier Festival si apre a una platea più vasta e propone ben 12.000 posti a 50 CHF o meno per i melomani, un pass Giovani per i minori di 16 anni o di 26 anni, un pass week-end e un ricco programma di attività gratuite e pedagogiche.
Dopo i concerti, sarà disponibile inoltre un servizio navetta tra Verbier e la stazione ferroviaria di Martigny per agevolare gli spostamenti dei frequentatori del festival.
Una nuova identità visiva permetterà di coinvolgere il pubblico più ampio nell’Esperienza Verbier: incontri fra artisti, fra generazioni, fra artisti e pubblico, in uno scenario naturale straordinario.
Sponsor Principali: la Banca Julius Baer, Nespresso e la Fondazione Neva.
Biglietteria:  online è accessibile 24 ore su 24 – ticketing@verbierfestival.com
Informazioni: www.verbierfestival.com
Ufficio stampa per l’ItaliaStudio ESSECI – Sergio Campagnolo – Tel. 049 663499 – Roberta Barbaro – gestione3@studioesseci.net
Ufficio stampa Verbier FestivalSarah Turin, +41 796064112 – sarah.turin@verbierfestival.com

Condividi su:

Festival della Bellezza, Verona, 1/11 giugno – 29/31 agosto

I Maestri dello Spirito

Chi ha detto “di bello non ci sono che le cose inutili” conosceva il potere eccentrico del superfluo che diventa indispensabile. Quando il privilegio si fa necessità, la bellezza irrompe nel cosmo dei desideri e genera un inesorabile big bang di proporzioni quasi impercettibili. Così, irriducibili flâneur, si passeggia nelle sere estive tra giardino e teatro, arena e labirinto, sulle orme ispirate dei Maestri. I pollini dei loro pensieri fluttuano alla brezza notturna, al suono di insidiose riflessioni e sconcertanti visioni. Implacabili pensieri si attardano intorno alla Bellezza che, sottile e maestosa, palese ed enigmatica, sorride inafferrabile.


Verona: 1/11 Giugno – 30/31 Agosto
TEATRO ROMANO | ARENA | GIARDINO GIUSTI

festival_bellezza_2017

PROGRAMMA

  • 1 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Ute Lemper – Berlin days, Paris nights
    Un viaggio musicale dall’irrequieta anima berlinese in Weill, Brecht e le canzoni del Cabaret, alla suggestione poetica della chanson francese con i capolavori di Jacques Brel e Edith Piaf, fino all’approdo in Argentina con il Tango Nuevo di Piazzolla.
  • 2 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Toni Servillo – Interprete della bellezza, bellezza dell’interpretazione
    Dai classici del teatro a capolavori del cinema d’autore: l’attore si fa protagonista nel racconto dell’arte dell’interpretazione ad evocare il disincanto e la caustica ironia di suoi memorabili personaggi. È destino del grande attore prendere il volto della sua nazione dinanzi al mondo.
  • 3 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Vinicio Capossela – La forza del destino: Odissea musicale di Vinicio Capossela
    Un concerto speciale in cui Vinicio ripercorre dagli inizi il proprio itinerario artistico intrecciando la visionarietà poetica delle sue canzoni più memorabili con quella di personaggi e arie di opere verdiane.
  • 5 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Morgan – David Bowie
    L’eccentrico dandy, in un concerto espressamente creato per il Festival della Bellezza, omaggia la rockstar britannica con una selezione di riletture dei suoi classici più belli. L’enfant prodige incontra l’uomo che cadde sulla terra: identificazione musicale nell’estraneità extraterrestre.
  • 6 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Umberto Galimberti – La sapienza greca
    Alla scoperta del nostro modo di pensare, tra gli antenati che ci sono Maestri. Le grandi questioni esistenziali tra chi per primo se le pose, dall’origine del mondo al senso della vita, dal valore della bellezza alla via per la felicità.
  • 7 giugno – ore 18,30
    Giardino Giusti
    Massimo Recalcati – Lacan e il desiderio
    Dal piacere di Freud al desiderio di Lacan, i concetti che cambiano l’autocomprensione e il destino del genere umano. Origine e meta dei percorsi dell’Io negli ambivalenti rapporti con l’inconscio tra pulsioni e simboli, reale e immaginario. La poesia come trauma e direzione del linguaggio.
  • 7 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Federico Buffa – Muhammad Ali: A night in Kinshasa
    Spettacolo multimediale in prima assoluta sulle gesta di una delle grandi icone del secondo Novecento. Focus su “The rumble in the jungle”, la notte più incredibile della storia dello sport, in cui The Greatest si impone nell’immaginario di una generazione. Musiche composte ed eseguite al pianoforte da Alessandro Nidi.
  • 8 giugno – ore 18,30
    Giardino Giusti
    Gloria Campaner – I romantici Chopin e Beethoven
    L’indomito spirito creativo romantico in un concerto che ne esprime sensibilità e tonalità. I cieli tempestosi si tramutano nello splendore dell’attimo di un chiaro di luna, l’anelito all’indipendenza si specchia nello struggente e delicato ardore del sentimento.
  • 8 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Goran Bregovic – Goran Bregovic and The Wedding & Funeral Orchestra in concert
    Concerto dai ritmi travolgenti, mix scoppiettante di jazz, tango, ritmi folk slavi, polifonie sacre ortodosse e chitarra elettrica. Il grande musicista si esibisce con una formazione d’eccezione che si raddoppia con l’aggiunta di nuovi strumenti e sonorità.
  • 9 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Vittorio Sgarbi – Michelangelo
    In scena un’irrituale indagine sull’estro e l’indole del più eclettico genio artistico, nelle connessioni con gli spiriti eletti di un’epoca di insuperati prodigi. L’uomo e il divino s’incontrano tra marmi splendenti e sulla volta di un immenso granaio. Musiche composte ed eseguite dal vivo da Valentino Corvino, elaborazioni visive di Tommaso Arosio.
  • 10 giugno – ore 18,30
    Giardino Giusti
    Beppe Severgnini – Poeti e scrittori in redazione
    Montale, Flaiano, Sciascia, Buzzati, Pasolini, Calvino in versione prime firme: lo sguardo sul quotidiano di chi compone per l’eternità nella collaborazione col Corriere. Neppure il rullo compressore della cronaca insidia la poesia nella rotativa.
  • 10 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Massimo Cacciari – Il Don Giovanni di Mozart
    Contrappunto illuminista alla commedia dell’arte, rime e accordi in controcanto alla tradizione e in sintonia con Diderot. Filosofia e musica dialogano su domande poste di nascosto e spiazzanti risposte sottintese, tra eros e comicità. Interventi musicali al pianoforte di Edoardo Strabbioli.
  • 11 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Philippe Daverio – Picasso
    La massima griffe dell’arte moderna, l’artista che si fa insuperabile modello, l’onnipotenza del creatore. “Io non cerco, trovo”. L’occhio sensuale e la metabolizzazione degli stili innovano per sempre lo sguardo gettato dall’arte, nessuna visione sarà più la stessa. Al pianoforte Ilaria Loatelli.
  • 30 e 31 agosto – ore 21
    Arena di Verona
    Ennio Morricone – The 60 Years of Music World Tour
    Ultimi concerti in Arena del più celebre compositore contemporaneo, appuntamento conclusivo della sua tournée mondiale, con i grandi classici, da C’era una volta in America a Mission, fino alle musiche dell’Oscar per l’ultimo film di Tarantino. Ospite d’onore la grande cantautrice Dulce Pontes.

 

TO BEAUTY AND BEYOND
Dall’1 all’11 giugno al Teatro Romano di Verona, Alessandro Lonati, presentato da Grossetti Arte, sarà in residenza al Festival della Bellezza, proponendo due tensosculture di dimensioni scenografiche all’interno delle quali, creerà estemporaneamente una composizione rinnovata per ogni sera.


Tutti gli incontri hanno un format teatrale, con immagini, filmati e musica dal vivo.
I biglietti del festival sono disponibili in prevendita presso il Verona Box Office, i circuiti Geticket (filiali Unicredit, punti vendita e call center 848 002 008) e TicketOne, o online su www.geticket.it, www.boxofficelive.it, www.ticketone.it.
Eventuali biglietti ancora disponibili sono in vendita prima degli spettacoli.
I soci IDEM possono ritirare presso il Verona Box Office i biglietti a condizioni di favore: 8 biglietti omaggio e sconti su eventuali altri biglietti (30% per la platea numerata di Lemper, Capossela, Morgan, Buffa, Sgarbi, 50% gli altri).
L’adesione all’associazione (60€, 50 il rinnovo, 40 chi ha meno di trent’anni) è possibile presso il Verona Box Office, la Libreria Antiquaria Perini e tramite il sito www.idem-on.net.
Gli studenti dell’università di Verona, grazie alla convenzione con ESU, hanno diritto al 50% di sconto sui biglietti a parte quelli di platea numerata al Teatro Romano per i quali è previsto uno sconto del 20%; altri studenti e dipendenti di ente promotore e sponsor hanno diritto a uno sconto del 20%. I biglietti scontati sono disponibili presso il Verona Box Office e il circuito Geticket.
È possibile abbonarsi al festival presso il Verona Box Office o tramite il call center Geticket. L’abbonamento di 90€ (40 per i soci IDEM) dà diritto al posto riservato in platea in 9 eventi: 6 al Teatro Romano (Lemper, Servillo, Villaggio, Galimberti, Cacciari, Daverio) e i 3 al Giardino Giusti. Per eventuali altri biglietti sono previsti gli stessi sconti dei soci Idem.
L’abbonamento può essere prestato, non è nominale.

FestivalVerona: Via Santa Maria in Chiavica 3, Verona
http://www.festivalbellezza.it – info@festivalbellezza.it – @FestivalBellezza
Contatti e Comunicazione
Direttore artistico: Alcide Marchioro: direzione@festivalbellezza.it
Responsabile organizzativo: Alessandra Zecchini: org@festivalbellezza.it
Comunicazione: Marilisa Capuano: stampa@festivalbellezza.it
IDEM: info@idem-on.net

Teatro Romano
Arena
Il Giardino dei Giusti
Verona

Condividi su:

Ritratti di donne, Art Factory di Tobia Ravà, Venezia

31 maggio – 15 luglio e 13 settembre – 15 ottobre 2017
Venezia: Art Factory di Tobia Ravà,
Fondamenta dell’Arzere, Dorsoduro 2324

Da mercoledì a venerdì 16.00-19.00. Sabato 10-13
28 maggio – 16 luglio e 13 settembre – 12 novembre 2017
Mirano (VE): PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, Via Miranese 42
Da mercoledì a domenica 16-19 su prenotazione

Artisti

Aldo Pallaro – Angela Pampolini – Antonio Giancaterino – Arianna Cola – Arturo Martini – Barbara Nahmad – Barbara Pelizzon – Bobo Ivancich – Bruno Lucchi – Carla Viparelli – Cesare Vignato – Enas Elkorazy – Franco Corrocher – Hertha Miessner – Ida Harm – Ion Koman – Jiri Kolar – Leda Guerra – Luigi Gattinara – Maria Chiara Gatti – Maria Pia Fanna Roncoroni – Mario De Leo – Matthias Brandes – Pain Azyme – Paola Volpato – Paolo Della Corte – Paolo Loschi – Roberto Fontanella – Rolando Estévez Jordán – Santina Ricupero – Silvano Biasi – Sirio Luginbühl – Stefania Fabrizi – Tobia Ravà – Tony Lucarda – Toni Zarpellon – Zdravko Milić.

La ricerca delle opere sul tema del ritratto femminile è stata un’appassionante ricognizione di immagini, storie e ricordi che potrà avere futuri sviluppi ed ha dimostrato che il ritratto è ancora un genere molto praticato dagli artisti e non necessariamente finalizzato alla rappresentazione di una persona fisica, ma rappresentativo dell’essere umano in senso ampio e universale. Spesso l’artista si cimenta nel ritratto per indagare attraverso il volto di una persona vicina le pieghe dell’animo umano e la propria interiorità.
La mostra è un omaggio alla femminilità a tutto tondo con ritratti sia di coloro che hanno dato un grande contributo alla storia dell’umanità, ma anche di donne che sono state importanti per la crescita personale, educativa, civile, professionale. Vi sono in mostra opere di donne note e comuni, prese dalla realtà o dalla letteratura, dal mito, dalla storia, dall’arte: da Eva, Giuditta, Nefertiti a Cleopatra, Ipazia, Giovanna D’Arco, da una copia romana della Vestale del Louvre al libro d’artista su Frida Kahlo e lavori su Artemisia Gentileschi, Virginia Woolf, Anna Arendt, Peggy Guggenheim, Louise Bourgeois, Doris Lessing (premio nobel letteratura), Fernanda Pivano, Giosetta Fioroni, Sara Campesan, Antonia Arslan. La mostra è anche una curiosa galleria di ritratti e di figure femminili, certo non esaustiva, ma significativa, di donne che hanno segnato un’epoca e fatto la storia.
Si passa dalle eroine bibliche, regine, principesse, attrici alle donne della propria cerchia famigliare e affettiva, del proprio ambito sociale, lavorativo e professionale, alla sofferenza delle donne migranti e rappresentative di altre culture, ma anche autoritratti, ritratti interiori e rivisitazioni di ritratti dei grandi maestri, volti e corpi universali per affrontare un discorso sul femminile a tutto campo, anche attraverso la mitologia, e parlare alle donne e agli uomini delle donne, dei loro sentimenti, stati d’animo, emozioni, sessualità, problemi interculturali ed intergenerazionali, emancipazione, discriminazioni con opere di pittura, fotografia, scultura, installazioni ambientali e video.
Nell’ambito della mostra sono organizzati vari incontri conferenze, presentazioni di libri, serate musicali e di poesia, parteciperanno fra gli altri Antonia Arslan, Gabriele Poli e Alessandro Marzo Magno.
La mostra ha una sezione anche a Venezia, in concomitanza con la Biennale Arti Visive presso Art Factory alle Fondamenta dell’Arzere, ma la parte più cospicua dell’esposizione e gli incontri culturali, serate musicali, conferenze, presentazioni di libri sono organizzate in terraferma, a PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, costituito dalla barchessa e parte del parco storico della Villa Donà dalle Rose di Mirano (VE), che ai primi dell’Ottocento fu proprietà del banchiere veneziano Giorgio Daniele Heinzelmann, il quale a Mirano soggiornava insieme al figlio e alla nuora Paolina Edvige Blondel, sorella di Enrichetta, moglie di Manzoni. Ed ecco che risulta ancora più stimolante per chi sperimenta questo percorso pensare che anche questi ultimi – soggiornando qui – abbiano passeggiato per questi vialetti e magari immaginare che lo scrittore abbia tratto ispirazione anche da questi luoghi.
In questo luogo ameno, a cui nel 2005 abbiamo dato il nome PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, abbiamo iniziato a realizzare mostre d’arte contemporanea a tema ed iniziative culturali. www.artepardes.org
PaRDeS significa “frutteto” o “giardino”, deriva dalla parola ebraica e farsi (antica lingua persiana) che dà origine al termine “paradiso”. PaRDeS organizza mostre ed eventi, legati all’ambiente, alla natura e al territorio, spaziando dall’ambito umanistico a quello scientifico con l’obiettivo di riqualificare la società attraverso l’arte e ristabilire un rapporto armonico con l’ambiente. Chi condivide questi ideali di armonia universale può contribuire con la sua voce a dare corpo ad un concerto che diventi sinfonia. Attorno a queste idee si sono raggruppati artisti, critici, curatori, operatori e quanti si prodigano per la diffusione di valori artistici e culturali. Tra gli scopi di PaRDeS vi è la promozione del “diritto alla cultura” dei giovani in ogni sua manifestazione; favorire il dialogo tra le generazioni e gli scambi culturali tra artisti di culture diverse e tra operatori del settore ed altri ambiti culturali, affinché avvenga la trasmissione di esperienze, conoscenze e valori; l’operare nel campo dei linguaggi artistici nelle varie forme, anche innovative, attraverso le quali questi si manifestano; stabilire contatti, collaborazioni, con l’ambito, scientifico, matematico e tecnologico al fine di realizzare progetti, laboratori e iniziative in comune; collegare l’arte contemporanea al territorio, all’ambiente, agli spazi verdi attraverso mostre con installazioni ambientali al fine di valorizzare la natura e infondere nel fruitore una sensibilità ecologica. PaRDeS si ripropone di riqualificare la società attraverso l’arte e un rapporto armonico con l’ambiente.

Calendario eventi
Domenica 28 maggio ore 16.30 inaugurazione mostra “Ritratti di donne” a PaRDeS – Via Miranese 42 Mirano
Mercoledì 31 maggio ore 18 inaugurazione mostra “Ritratti di donne” presso l’Art Factory di Tobia Ravà a Venezia, Fondamenta dell’Arzere Dorsoduro 2324
Martedì 13 giugno ore 21 a PaRDeS – Mirano: “Ritratto di donna” tra musica e poesia con Valeria Causin, soprano, Debora Massaria, pianoforte, Giovanni Da Lio, poeta.
Mercoledì 21 giugno ore 21 a PaRDeS – Mirano “Ritratti di donne che hanno segnato un’epoca nel nostro territorio” conversazione con Maria Luisa Trevisan e Tobia Ravà promossa dal Soroptimist International Club Miranese – Riviera del Brenta.
Giovedì 22 giugno ore 21 a PaRDeS – Mirano: Antonia ArslanLettere ad una ragazza turca”. Presentazione del libro alla presenza dell’autrice con Anna Maria Corradini e Flavia Randi.
Giovedì 29 giugno ore 21 a PaRDeS – Mirano: “Donne in rilievo” incontro con Alessandro Marzo Magno autore di “Serenissime. Le donne illustri di Venezia dal medioevo ad oggi”, “Con stile. Come l’Italia ha vestito (e svestito) il mondo” e “Missione grande bellezza” sulle donne e gli uomini che hanno salvato i capolavori italiani dalle sottrazioni di Napoleone ed Hitler.
Mercoledì 5 luglio alle 21 a PaRDeS – Mirano: Incontro con lo scrittore Gabriele Poli autore de “Il tesoro di Tupac Amaru” e de “Il giovane inca”.
Giovedì 13 luglio ore 21 a PaRDeS – Mirano: “Intanto” di Davide Antonio Pio, serata musicale. Presentazione del cd. Cover by Tobia Ravà.
Mercoledì 13 settembre ore 18 Daniela Abrava nel “Donne e redenzione nella tradizione ebraica”. Inoltre verrà presentato il suo nuovo libro “Gli animali nella kabbalah”, illustrato dalle opere di Tobia Ravà.
Domenica 24 settembre ore 17 a PaRDeS – Mirano: Guido e Paola Cingano Ensamble Classic Sound. Gruppo vocale e strumentale diretto dal maestro Guido Cingano.
Domenica 15 ottobre ore 18 a PaRDeS – Mirano: “La mauvaise femme”, testi e regia a cura di Carla Stella. Gruppo di lettura Punto pieno: Pietro Campagnaro, Gianna Casadei, Giovanna Magni, Monica Sichel, Donatella Somalvico, Daniela Tona Ornella Visconti.
Domenica 29 ottobre ore 18 “Etty Hillesum, una donna vitale” da un’idea di Beppe Bovo.
Domenica 12 novembre ore 17 a PaRDeS – Mirano: Maratona poetica guidata da Alessandro Cabianca, con lettura di poesie di autori vari sul tema della donna, e finissage della mostra “Ritratti di donne”.


Ritratti di donne
A cura di: Maria Luisa Trevisan
Patrocini: Comune di Mirano – Cultura e Commissione Pari Opportunità, Mirano Terra dei Tiepolo, Fai Delegazione di Venezia, Soroptimist International Club Miranese – Riviera del Brenta.
Ideazione, cura della mostra e della pubblicazione: Maria Luisa Trevisan
Organizzazione PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, Mirano
Allestimenti Tobia Ravà in collaborazione con Marta Compagnini, Elisa Bologna, Elena Volpato
PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea
via Miranese 42
0035 Mirano (VE)
tel./fax 041/5728366 cell. 349 1240891; artepardes@gmail.com; www.artepardes.org; (anche su Facebook, Google plus e Twitter).


Condividi su:

Jesus Christ Superstar di Massimo Romeo Piparo, Ted Neeley in tour dall’11 febbraio

Di nuovo in Italia l’opera Rock più amata di tutti i tempi. Torna a splendere la stella di Ted Neeley nel ruolo di Gesù.


Dal prossimo 11 febbraio dopo i trionfi europei torna in Italia“Jesus Christ Superstar“, l’opera rock più amata di tutti i tempi con il celebre Ted Neeley nel ruolo di Gesù, firmata Massimo Romeo Piparo e prodotta dalla PeepArrow Entertainment
Dopo gli incredibili successi di pubblico e critica ottenuti a Amsterdam, Den Haag, Antwerpen, Groningen e poi di nuovo Amsterdam, a grande richiesta torna a risplendere in Italia la stella di Jesus Christ Superstar con l’interpretazione del grandissimo Ted Neeley nel ruolo di Gesù.
Al sensazionale e applauditissimo tour invernale, iniziato a dicembre 2016, nelle principali città del nord Europa, seguirà infatti una lunga tournée durante la quale Jesus Christ Superstar toccherà numerose città italiane fino a primavera. L’atteso ritorno è previsto per l’11 febbraio a Trento, poi il musical viaggerà da nord a sud: Milano, Varese, Genova, Torino, Catania, Cosenza, Bari, per chiudere in bellezza ad aprile nella sua ‘casa’ romana, il Teatro Sistina.
La storia di un mito che travolge con la sua passione gli spettatori di tutte le età, un uomo-simbolo che fa della spiritualità la sua bandiera rivoluzionaria, un personaggio unico nella storia del teatro musicale: il celebre lavoro di Andrew Lloyd Webber e Tim Rice non subisce i segni del tempo, anzi a ogni rappresentazione rinnova il proprio mito contagiando con entusiasmo sempre maggiore le centinaia di migliaia di spettatori, oltre 300mila tra il 2014 e 2016, che in Europa e in Italia hanno scelto di andarlo a vedere.
E se dopo ormai quasi 23 anni di successi (più di 1.600 rappresentazioni, 160 artisti che si sono alternati nel cast, oltre 1milione e 700mila spettatori, quattro diverse edizioni e ancora, 12 anni consecutivi in cartellone nei Teatri italiani dal 1994 al 2006) questo spettacolo continua ad emozionare gli spettatori di tutte le età, passando di generazione in generazione, il merito va tutto a un mix di fattori vincenti: innanzitutto il grande lavoro artistico e produttivo di Massimo Romeo Piparo e della sua squadra, che hanno saputo rendere al meglio sulla scena la forza trascinante di una storia universale, dai valori positivi e dai forti sentimenti, in cui la musica diviene protagonista. Emerge poi, in uno spettacolo in lingua originale e interpretato interamente dal vivo, l’indiscutibile eccellenza artistica del cast, primo fra tutti Ted Neeley, l’indimenticabile protagonista dello storico film di Norman Jewison del 1973 che ha dato una impronta mitica e indelebile al ruolo di Gesù. Senza contare l’imponente e spettacolare allestimento che rende onore all’Italia sui palcoscenici internazionali, dimostrando che il nostro Paese ha raggiunto ormai livelli competitivi in termini di qualità artistica e professionalità nel musical. Ne sono prova i sold out e le standing ovation a scena aperta che da anni accompagnano lo spettacolo, così come il prestigioso MusicalWorld Award, uno dei riconoscimenti internazionali più autorevoli nell’ambito del musical, che ha premiato il Jesus Christ Superstar prodotto dalla PeepArrow Entertainment di Massimo Romeo Piparo come migliore produzione internazionale in Olanda nel 2016.
Ancora una grande occasione quindi per il pubblico italiano, che avrà l’occasione di conoscere o rivedere una delle più entusiasmanti storie mai scritte, per emozionarsi in uno spettacolo che celebra il talento, i grandi sentimenti e la bellezza travolgente della musica rock.
Accanto al mitico Ted Neeley nei panni di Gesù, torneranno l’Orchestra diretta dal Maestro Emanuele Friello, l’ensemble di 24 tra acrobati, trampolieri, mangiafuoco e ballerini coreografati da Roberto Croce, con le scenografie di Giancarlo Muselli elaborate da Teresa Caruso e i costumi di Cecilia Betona.
Ma la storia di Jesus Christ Superstar continuerà anche dopo il tour in Italia. Per tutti i fan più appassionati l’appuntamento infatti sarà proprio in Olanda, al Rotterdam Ahoy, dove il 5, 6 e 7 maggio ci sarà il gran finale di questa produzione: una rappresentazione piena di sorprese e incredibilmente spettacolare, ispirata all’ allestimento dell’Arena di Verona del 2014 e che vedrà al fianco di Ted Neeley un cast davvero speciale.

PEEP ARROW ENTERTAINMENT

Su licenza esclusiva THE REALLY USEFUL GROUP – LONDON

presenta

JESUS CHRIST SUPERSTAR

di ANDREW LLOYD WEBBER e TIM RICE

regia di MASSIMO ROMEO PIPARO

TED NEELEY Gesù

e con

FEYSAL BONCIANI   Giuda

PARIDE ACACIA   Hannas

SIMONA DISTEFANO   Maddalena

      EMILIANO GEPPETTI   Pilato

ELIA LO TAURO   Simone

  FRANCESCO MASTROIANNI   Caifa

SALVADOR AXEL TORRISI   Erode

MATTIA BRAGHERO   Pietro

Ensemble
Giovanni Abbracciavento, Giada Cervone, Federico Colonnelli, Francesco Consiglio, Lorenzo De Baggis, Mattia Di Napoli, Simone Giovannini, Daniel Guidi, Francesca Iannì, Benedetta Imperatore, Alessandro Lanzillotti, Rosella Lubrino, Nicole Marin, Marta Melchiorre, Lazaro Rojas Perez, Daniele Romano, Carlotta Stassi, SaraTelch, Carmela Visciano

Orchestra
Direzione Musicale EMANUELE FRIELLO
Emanuele Friello (Tastiera 1 e Direzione), Angelo Racz (Direttore Associato/Tastiera 1), Federico Zylka (Tastiera 2), Andrea Inglese (Chitarra 1), Stefano Mandatori (Chitarra 2), Massimo Pino (Basso), Stefano Falcone (Batteria), Andrea Di Pilla (Tromba), Vincenzo Parente (Corno francese)

Scene GIANCARLO MUSELLI elaborate da TERESA CARUSO
Costumi CECILIA BETONA
Luci DANIELE CEPRANI
Suono ALFONSO BARBIERO
Coreografie ROBERTO CROCE


Tour Italia 2017

11 e 12 febbraio 2017 – TRENTO – AUDITORIUM SANTA CHIARA

dal 16 al 26 febbraio – MILANO ASSAGO – TEATRO DELLA LUNA

8 marzo – VARESE – TEATRO APOLLONIO

dal 10 al 12 marzo – GENOVA – POLITEAMA GENOVESE

dal 14 al 15 marzo – CASSANO MAGNAGO – TEATRO AUDITORIO

dal 17 al 19 marzo – TORINO – TEATRO COLOSSEO

dal 23 al 26 marzo – CATANIA – TEATRO METROPOLITAN

dal 4 al 5 aprile – COSENZA – TEATRO RENDANO

dall’ 8 al 9 aprile – BARI – TEATRO TEAM

dal 12 al 23 aprile – ROMA – TEATRO SISTINA

Ufficio Stampa PeepArrow Entertainment: Federica Fresa- T. +39 335 5481631 – ufficiostampa@peeparrow.com – federicafresacomunicazione@gmail.com

www.jesuschristsuperstar.it – www.peeparrow.com

Condividi su:

Massimiliano Finazzer Flory: Verdi legge Verdi, Palazzetto dello Sport di Monza

Il Consorzio Vero Volley, martedì 17 gennaio 2017, alle ore 21 presso il Palazzetto dello Sport di Monza organizza lo spettacolo “Verdi legge Verdi”, scritto e interpretato dal regista, attore e drammaturgo Massimiliano Finazzer Flory.  L’appuntamento vedrà protagonista anche il coro dei “Sancarlini”, il Coro Giovanile del Teatro di San Carlo di Napoli, oltre che…
Per saperne di più