SiteLock

Archivi categoria : Teatro

Paolo Villaggio (Genova, 30/12/1932 – Roma, 3/07/2017) la nostra ultima intervista


Paolo Villaggio la nostra ultima intervista sul suo  libro: "Giudizio universale", Milano, 29 giugno 2011


È mancato a Roma Paolo Villaggio, attore, comico, scrittore, sceneggiatore, doppiatore, Genova, 30/12/1932 - Roma, 3/07/2017, da alcuni giorni ricoverato in una clinica privata per i suoi problemi di diabete.
La figlia Elisabetta ha affidato a Facebook il suo ultimo saluto: "Ciao papà ora sei di nuovo libero di volare " con questa fotografia che lo ritrae con i due figli Elisabetta e Pierfrancesco.


  " Fantozzi è il prototipo del tapino, la quintessenza della nullità. "
Paolo Villaggio

Filmografia
• Eat It, regia di Francesco Casaretti (1968)
• I quattro del pater noster, regia di Ruggero Deodato (1969)
• Il terribile ispettore, regia di Mario Amendola (1969)
• Pensando a te, regia di Aldo Grimaldi (1969)
• Brancaleone alle crociate, regia di Mario Monicelli (1970)
• Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto, regia di Vittorio Gassman (1972)
• Beati i ricchi, regia di Salvatore Samperi (1972)
• Che c'entriamo noi con la rivoluzione?, regia di Sergio Corbucci (1972)
• La torta in cielo, regia di Lino Del Fra (1972)
• Sistemo l'America e torno, regia di Nanni Loy (1973)
• Alla mia cara mamma nel giorno del suo compleanno, regia di Luciano Salce (1974)
• Non toccare la donna bianca, regia di Marco Ferreri (1974)
• La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone, regia di Pupi Avati (1975)
• Fantozzi, regia di Luciano Salce (1975)
• Di che segno sei?, regia di Sergio Corbucci (1975)
• Il secondo tragico Fantozzi, regia di Luciano Salce (1976)
• Signore e signori, buonanotte, regia di Luigi Comencini, Luigi Magni, Nanni Loy, Ettore Scola, Mario Monicelli (1976)
• Il signor Robinson, mostruosa storia d'amore e d'avventure, regia di Sergio Corbucci (1976)
• Quelle strane occasioni - episodio Italian Superman, regia di Nanni Loy (1976)
• Tre tigri contro tre tigri, regia di Sergio Corbucci e Steno (1977)
• Il... Belpaese, regia di Luciano Salce (1977)
• Quando c'era lui... caro lei!, regia di Giancarlo Santi (1978)
• Io tigro, tu tigri, egli tigra, regia di Giorgio Capitani (1978)
• Professor Kranz tedesco di Germania, regia di Luciano Salce (1978)
• Dove vai in vacanza? - episodio Sì buana, regia di Luciano Salce (1978)
• Dottor Jekyll e gentile signora, regia di Steno (1979)
• Rag. Arturo De Fanti, bancario precario, regia di Luciano Salce (1979)
• La locandiera, regia di Paolo Cavara (1980)
• Fantozzi contro tutti, regia di Paolo Villaggio e Neri Parenti (1980)
• Il turno, regia di Tonino Cervi (1981)
• Fracchia la belva umana, regia di Neri Parenti (1981)
• Sogni mostruosamente proibiti, regia di Neri Parenti (1982)
• Bonnie e Clyde all'italiana, regia di Steno (1983)
• Pappa e ciccia, regia di Neri Parenti (1983)
• Fantozzi subisce ancora, regia di Neri Parenti (1983)
• A tu per tu, regia di Sergio Corbucci (1984)
• I pompieri, regia di Neri Parenti (1985)
• Fracchia contro Dracula, regia di Neri Parenti (1985)
• Scuola di ladri, regia di Neri Parenti (1986)
• Grandi magazzini, regia di Castellano e Pipolo (1986)
• Superfantozzi, regia di Neri Parenti (1986)
• Rimini Rimini, regia di Sergio Corbucci (1987)
• Missione eroica - I pompieri 2, regia di Giorgio Capitani (1987)
• Scuola di ladri - Parte seconda, regia di Neri Parenti (1987)
• Roba da ricchi, regia di Sergio Corbucci (1987)
• Com'è dura l'avventura, regia di Flavio Mogherini (1987)
• Il volpone, regia di Maurizio Ponzi (1988)
• Fantozzi va in pensione, regia di Neri Parenti (1988)
• Ho vinto la lotteria di capodanno, regia di Neri Parenti (1989)
• La voce della Luna, regia di Federico Fellini (1989)
• Le comiche, regia di Neri Parenti (1990)
• Fantozzi alla riscossa, regia di Neri Parenti (1990)
• Le comiche 2, regia di Neri Parenti (1991)
• Io speriamo che me la cavo, regia di Lina Wertmüller (1992)
• Il segreto del bosco vecchio, regia di Ermanno Olmi (1993)
• Fantozzi in paradiso, regia di Neri Parenti (1993)
• Cari fottutissimi amici, regia di Mario Monicelli (1994)
• Le nuove comiche, regia di Neri Parenti (1994)
• Camerieri, regia di Leone Pompucci (1995)
• Io no spik inglish, regia di Carlo Vanzina (1995)
• Palla di neve, regia di Maurizio Nichetti (1995)
• Fantozzi - Il ritorno, regia di Neri Parenti (1996)
• Banzai, regia di Carlo Vanzina (1997)
• Un bugiardo in paradiso, regia di Enrico Oldoini (1998)
• Fantozzi 2000 - La clonazione, regia di Domenico Saverni (1999)
• Denti, regia di Gabriele Salvatores (2000)
• Heidi, regia di Markus Imboden (2001)
• Azzurro, regia di Denis Rabaglia (2001)
• Gas, regia di Luciano Melchionna (2005)
• Hermano, regia di Giovanni Robbiano (2007)
• Torno a vivere da solo, regia di Jerry Calà (2008)
• Questione di cuore, regia di Francesca Archibugi (2009)
• Generazione 1000 euro, regia di Massimo Venier (2009)
• Tutto tutto niente niente, regia di Giulio Manfredonia (2012)
Film e serie televisive
• Sogni e bisogni (1985)
• Un angelo di seconda classe (1999)
• San Giovanni - L'apocalisse (2002)
• Renzo e Lucia (2004)
• Finalmente Natale (2007)
• Finalmente a casa (2008)
• Carabinieri (2002-2008)

Sceneggiature
• Fantozzi (1975)
• Il secondo tragico Fantozzi (1976)
• Il signor Robinson, mostruosa storia d'amore e d'avventure (1976)
• Il... Belpaese (1977)
• Professor Kranz tedesco di Germania (1978)
• Fantozzi contro tutti (1980)
• Fracchia la belva umana (1981)
• Bonnie e Clyde all'italiana (1982)
• Pappa e ciccia (1983)
• Fantozzi subisce ancora (1983)
• Fracchia contro Dracula (1985)
• Superfantozzi (1986)
• Fantozzi va in pensione (1988)
• Fantozzi alla riscossa (1990)
• Fantozzi in paradiso (1993)
• Fantozzi - Il ritorno (1996)

Regie
• Fantozzi contro tutti con Neri Parenti (1980)

Televisione
• Quelli della domenica (Programma Nazionale, 4 febbraio-30 giugno 1968)
• È domenica, ma senza impegno (Programma Nazionale, 16 marzo-29 giugno 1969)
• Canzonissima 1969 (Programma Nazionale, 27 settembre 1969-6 gennaio 1970)
• Signore e signora (Programma Nazionale, 10 gennaio-7 marzo 1970)
• Senza rete (programma televisivo) (Programma Nazionale, 26 giugno-14 agosto 1971)
• XXII Festival della canzone italiana - Sanremo (Programma Nazionale e Secondo Programma, 24-26 febbraio 1972)
• Giandomenico Fracchia (Programma Nazionale, 18 ottobre-8 novembre 1975)
• Ciao Gente (Canale 5, 7 ottobre 1983-25 maggio 1984)
• Risatissima (Canale 5, 6 aprile 1985)
• Grand Hotel (Canale 5, 4 ottobre 1985-11 gennaio 1986; 1º marzo-24 maggio 1986)
• Un fantastico, tragico venerdì (Rete 4, 4 ottobre 1986-20 febbraio 1987)
• Che piacere averti qui (Italia 1, 7 giugno-6 settembre 1987)
• Villaggio Party (Odeon TV, 1º dicembre 1987-15 marzo 1988)
• Striscia la notizia (Canale 5, 3 marzo-10 aprile 1997)
• Domenica In (Raiuno, 22 settembre 2002-18 maggio 2003)
• Roar (Rai 3, 31 agosto 2016-10 settembre 2016)

Teatro
• L'avaro (1996)
• Delirio di un povero vecchio (2000-2001)
• Vita, morte e miracoli (2005-2008)
• Serata d'addio (2007-2008)
• Il profumo delle lucciole (2009-2011)
• A ruota libera (2010-2011)
• La Corazzata Potemkin è una cagata pazzesca! (2012)
• Il peggio della mia carriera (2012)
• Siamo nella merda, anche la Corazzata Potemkin è affondata (2012-2013)
• La guerra di Paolo (2015- )
• Mi piacerebbe tanto non andare al mio funerale (2015-2016)

Programmi radiofonici
• Il sabato del Villaggio (1968)
• Formula uno (1971)
• Gran varietà (1974-1975)
• Dolcemente mostruoso (1975)
Doppiaggio
• Senti chi parla, regia di Amy Heckerling (1989)
• Senti chi parla 2, regia di Amy Heckerling (1990)
• Hotel Transylvania 2, regia di Genndy Tartakovsky (2015)

Opere
• Fantozzi, Milano, Rizzoli, 1971.
• Come farsi una cultura mostruosa, Milano, Bompiani, 1972.
• Il secondo tragico libro di Fantozzi, Milano, Rizzoli, 1974.
• Le lettere di Fantozzi, Milano, Rizzoli, 1976.
• Fantozzi contro tutti, Milano, Rizzoli, 1979.
• Fantozzi subisce ancora, Milano, Rizzoli, 1983. ISBN 88-17-65904-5.
• "Caro direttore ci scrivo...". Lettere del tragico ragioniere, raccolte da Paolo Villaggio, come Rag. Ugo Fantozzi, Milano, A. Mondadori, 1993. ISBN 88-04-37013-0.
• Fantozzi saluta e se ne va. Le ultime lettere del rag. Ugo Fantozzi, Milano, A. Mondadori, 1994. ISBN 88-04-37925-1.
• Vita, morte e miracoli di un pezzo di merda, Milano, Mondadori, 2002. ISBN 88-04-51479-5.
• 7 grammi in 70 anni. L'odissea di un povero obeso, Milano, Mondadori, 2003. ISBN 88-04-52216-X.
• Sono incazzato come una belva, Milano, Mondadori, 2004. ISBN 88-04-53406-0.
• Gli fantasmi, Milano, Rizzoli, 2006. ISBN 88-17-01356-0.
• Storia della libertà di pensiero, Milano, Feltrinelli, 2008. ISBN 978-88-07-49069-9.
• Storie di donne straordinarie, Milano, Mondadori, 2009. ISBN 978-88-04-58638-8.
• Crociera Lo Cost, Milano, Mondadori, 2010. ISBN 978-88-04-59148-1.
• Fantozzi totale, Torino, Einaudi, 2010. ISBN 978-88-06-20235-4.
• Mi dichi. Prontuario comico della lingua italiana, Milano, Mondadori, 2011. ISBN 978-88-04-36032-2.
• Giudizio universale, Milano, Feltrinelli, 2011. ISBN 978-88-07-49111-5.
• Non mi fido dei santi, con Luca Sommi, Reggio Emilia, Aliberti, 2011. ISBN 978-88-7424-791-2.
• La fortezza tra le nuvole, Pezzan di Carbonera, Morganti, 2011. ISBN 978-88-95916-44-6.
• La vera storia di Carlo Martello, Milano, Dalai, 2011. ISBN 978-88-6620-089-5.
• Tragica vita del ragionier Fantozzi, Milano, Mondadori, 2012. ISBN 978-88-04-53960-5.
• Siamo nella merda. Pillole di saggezza di una vecchia carogna, Milano, Mondadori, 2013. ISBN 978-88-04-62930-6.
• Fantozzi, rag. Ugo. La tragica e definitiva trilogia, con un saggio di semiotica fantozziana di Stefano Bartezzaghi, Milano, Rizzoli, 2013. ISBN 978-88-17-06519-1.
• Lei non sa chi eravamo noi, con Adriano Panatta, Milano, Mondadori, 2014. ISBN 978-88-04-64050-9.
• Come farsi una cultura mostruosa OGGI, Milano, Cairo, 2014. ISBN 978-88-6052-539-0.
• Fantozzi forever, tavole e testi di Francesco Schietroma, Milano, Cairo, 2014. ISBN 978-88-6052-565-9.
• Fantozzi letto da Paolo Villaggio. L'audiolibro inedito, Roma, Volume Audiobooks, 2016. ISBN 978-88-9983-307-7.

Discografia
Album
• 1971 - Giandomenico Fracchia (CGD)
• 1980 - Fantozzi contro tutti (Ricordi)
Singoli
• 1975 - La ballata di Fantozzi/L'impiegatango (EMI)
• 1980 - Fantozzo/Banda Fantozzi (Ricordi)
• 1986 - Grandi magazzini/Hapinesse (RCA)

Condividi su:

Festival BergamoTOONS, 2 sull’arte di Simpson e Allegro non troppo, Bergamo

Dal 22 al 24 Giugno 2017, Bergamo diventerà per 3 giorni la capitale mondiale del cartoon grazie al Festival BergamoTOONS: la prima edizione di una rassegna costellata di eventi, conferenze, proiezioni e mostre dedicati al cinema di animazione.
Il fil rouge della manifestazione sarà lo humourcon proiezioni di film all’insegna del buonumore: un taglio che contraddistingue tante delle opere animate di Bruno Bozzetto, il regista e cartoonist bergamasco, Presidente Onorario dell’Associazione BergamoTOONS, organizzatrice della tre giorni orobica. 
A fargli visita da Hollywood l’amico e collega David Silverman, il regista che 30 anni fa portò in TV i primi episodi de I Simpson animando i disegni del cartoonist Matt Groening

SIMPSONS:David Silverman, Federico Fiecconi, © MATT GROENING - THE SIMPSONS TM&© 2017 Twentieth Century Fox Film Corporation. All rights reserved

Il distretto dell'arte bergamasco aprirà le sue porte all’animazione: giovedì 22 giugno alle ore 17.00 alla GAMeC, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, si inaugurerà alla presenza del regista Bruno Bozzetto la mostra di disegni originali L’Arte di Allegro non troppooltre 20 artwork originali, la maggior parte mai esposti prima e ordinati in mostra dalle curatrici Anita Bozzetto e Irene Bozzetto, conservatrici dell’archivio storico del padre Bruno. Questi fondali dipinti a mano e rodovetri (o “cels”), visitabili fino al 2 luglio, sono selezionatissimi tesori realizzati a metà anni Settanta dal team di Bruno Bozzetto per creare quello che è ritenuto il capolavoro del cineasta bergamasco:"Allegro non troppo” (1976). 

La GAMeC ospita dunque questa piccola preziosa mostra a cui seguirà la proiezione del film-documentario «Bozzetto non troppo» (2016) ma il momento clue sarà al Teatro Donizetti che vedrà di scena il magico incontro fra la musica “alta” e il grande cinema di animazione ospitando la proiezione del lungometraggio “Allegro non troppo” (1976) in versione hi-res appena restaurata. 
In Italia c’è già grande attesa anche per i momenti che in esclusiva mondiale tingeranno di “giallo Simpson” la città: la seconda giornata di BergamoTOONS, venerdì 23 giugno, sarà infatti un vero e proprio “Simpson day”: al mattino, l’Università ospiterà il dibattito Fenomeno Simpson con esperti e addetti ai lavori, con testimonianze “dal set” di Silverman e dell’animatrice bolognese Silvia Pompei, in arrivo appositamente da Hollywood; a seguire, a fine mattinata, vernissage della spettacolare esposizione inedita L’Arte dietro le quinte de I Simpsons, che rivelerà al mondo decine di artwork originali utilizzati per produrre il serial della Fox

SIMPSONS: David e Silverman e Silvia Pompei, © MATT GROENING - THE SIMPSONS TM&© 2017 Twentieth Century Fox Film Corporation. All rights reserved

La mostra, allestita nell’ex chiesa di Santa Maria Maddalena, in centro città, segnerà un affascinante e ironico incontro fra “(ex) sacro e profano”: santi e cherubini degli affreschi veglieranno fino al 15 luglio sulle dissacranti animazioni del serial Tv.
In programma anche una Maratona Simpson che riproporrà i migliori episodi della serie, scelti personalmente proprio dall’animatore David Silverman. 
Festa grande dunque per i Simpson ma anche per opere di nuovi autori, classici di grandi Maestri e per scintillanti anniversari di alcuni eroi dell’allegria animata, tra cui Daffy Duck e la vecchia gloria della Tv, il garbato eroe di cartone croato Professor Balthazar
BergamoTOONS creerà il magico connubio fra cultura, arte e cinema animato nei più prestigiosi spazi cittadini regalando al pubblico appuntamenti di grande attrattiva: mostre, incontri, proiezioni, workshop, masterclass con addetti al lavoro ma soprattutto il gran finale fissato per sabato sera 24 Giugno con il Cartoon Party.
Tutto a ingresso rigorosamente libero, in alcuni casi previa registrazione, fino a capienza della struttura.


BERGAMOTOONS è organizzato dall’omonima Associazione nata nel giugno 2016 per promuovere il cinema di animazione sul territorio. Ne sono soci fondatori  Valentina Mazzola (Presidente); Andrea Bozzetto (VicePresidente); Federico Fiecconi (Direttore Artistico); Gigi Tufano (Segretario); Oscar Mazzola (Tesoriere), con Presidente Onorario: Bruno Bozzetto 
BERGAMOTOONS  gode del patrocinio del Comune, dell’Università degli Studi di Bergamo e delle associazioni di settore Animation Italia, ASIFA Italia e Cartoon Italia. Alcuni appuntamenti del programma sono realizzati in collaborazione con Bergamoscienza, GAMeC e Accademia Carrara.
Ufficio Stampa BergamoTOONS: ufficiostampa@bergamotoons.it - Claudia Rota: cell. 348 5100463 - claudia.rota@dscpress.comFederica Crippa:  cell. 347 3741007 federica.crippa@dscpress.com

Per il programma dettagliato di eventi e proiezioni il riferimento è la pagina Facebook BergamoTOONS e il sito www.bergamotoons.itPer informazioni:  info@bergamotoons.it 

Condividi su:

FRAGILE FIABESK, Teatro La Scala della Vita, dall’ 11 al 18 giugno, Milano

FRAGILE FIABESK di Teatro del Mondo, sarà in scena per Milano Off al Teatro La Scala della Vita ( Via Piolti dé Bianchi 47) dal 11 al 18 giugno.


Emozionante spettacolo sulla fragilità interiore e contro la violenza sulla donna. Da vedere!


Ideazione, drammaturgia e regia: Valeriano Gialli
Protagonisti: Paola Corti, Valeriano Gialli
Danzatrici: Marzia Raballo ed Elena Rolando

Coreografie: Dorothy Rollandin
Costumi: Monica Cafiero
Elementi scenici: Maurizio Agostinetto
Produzione: Teatro del Mondo e Lunaria Teatro
Patrocinio: Regione Valle d’Aosta, Comune di Genova e Mibact

 

Teatro Del Mondo è una compagnia teatrale diretta da Valeriano Gialli e Paola Corti con sede in Valle d’Aosta; il nome  deriva dal progetto “Teatro del Mondo” dell’architetto Aldo Rossi e il suo logo dagli “skulls” di Jan Fabre e di Andy Warhol. 
Valeriano Gialli: “Fragile Fiabesk è il mio spettacolo pop. Alcune scene sono come video clip. Forse il più semplice e spigliato tra i miei spettacoli, il più gradevole e seduttivo, sebbene con forza parli di macerie dell’animo. Nato da impressioni interiori, senza intenti di impegno sociale, è sembrato a molti una emozionante performance contro la violenza sulla donna. In effetti al centro dello spettacolo c’è l’animo femminile, le sue paure e i suoi desideri più autentici”. 
Orari: Venerdì 16 giugno 16:00; sabato 17 giugno 17:45; domenica 18 giugno 19:30
Direttore Artistico del Teatro La Scala della Vita: Stefano Bernini  - M. 333 88320030 - teatrodelmondo@gmail.com - Paola Corti - M. 335 6776383
Ufficio Stampa: ch2-eventi culturali - Veronica Iurich - tel +39 3397784404 - vi@ch2.it 

Teatro La Scala della Vita
Via Piolti dé Bianchi 47
20129 Milano

Condividi su:

Con la testa e con il cuore si va ovunque, con Giusy Versace, sold out al Teatro Manzoni, Milano

Al Teatro Manzoni mercoledì 14 giugno, va in scena il nuovo spettacolo teatrale "Con la testa e con il cuore si va ovunque", con la regia di Sylos Labini, tratto dall’omonimo best seller Mondadori di Giusy Versace.  
Giusy Versace porta in scena la sua incredibile storia, un esempio per tutti, non solo per le persone disabili. Con lei un cavaliere d’eccezione, il popolare ballerino Raimondo Todaro con il quale vinse nel 2014 la decima edizione di “Ballando con le Stelle“. Accanto a lei un altro angelo custode, un amico e un grande artista, il cantante pop Daniele Stefani. Diretti da uno dei registi più innovativi della scena italiana, Edoardo Sylos Labini, con le coreografie di Matteo Bittante e dello stesso Todaro, Giusy  saprà emozionarci ancora una volta, facendoci ridere, piangere e riflettere, in questa nuova sfida sui palcoscenici teatrali. L’intero ricavato della serata sarà devoluto a Disabili no limits Onlus.
Dopo il debutto milanese, lo show toccherà in autunno i palcoscenici di Venezia, Firenze, Bologna, Roma e Norcia, dove Sylos Labini ricopre la carica di direttore artistico presso il Teatro Civico
Con la testa e con il cuore si va ovunque, Giusy Versace Sylos Labini, Mondadori Mega Store Duomo, 31:05:2017 - 04

Giusy Versace: Questo spettacolo nasce da un esperimento che feci con Raimondo Todaro all’epoca di ‘Ballando con le Stelle’. Il progetto di questo spettacolo è nato quindi alla fine del 2014, ma grazie all’incontro con Sylos Labini è stato completamente rinnovatoLui è riuscito a penetrarmi nel profondo, a tirarmi fuori emozioni che il dolore di quell’incidente avevano sepolto in me. Questa è stata la parte più difficile di questo spettacolo…rileggere la mia autobiografia e reinterpretarla. Ringrazio, oltre a Sylos Labini, Raimondo che si è reso disponibile per questa nuova avventura, e Daniele Stefani che ne ha costruito la colonna sonora.”

Negli ultimi 10 anni ho messo in scena la biografia di grandi personaggi come D’Annunzio, Nerone, Mazzini, ma dopo aver letto il libro Con la testa e con il cuore si va ovunque ho sentito la necessità di continuare questo percorso raccontando la vita di una donna semplice dei giorni nostri - ha spiegato il regista dello spettacolo Edoardo Sylos Labini - Semplice ma esempio di coraggio, positività e femminilità. In scena va la “normalità” di una figura che ha saputo trasformare un evento tragico in una nuova vita fatta di successi grazie al ballo e allo sport. La vita di Giusy Versace, come il teatro, è fatta di un prima e di un dopo, tragedia e commedia, e sul palcoscenico saprà far piangere e ridere come ho fatto io leggendo il suo libro. Quando ho letto il libro di Giusy Versaceho pianto come un bambino. La sua storia è una lezione per ognuno di noi, non soltanto per i disabili. È un messaggio di forza e audacia in un’Italia che deve tornare a essere coraggiosa.»

Sono felice di aiutare Giusy anche in questa nuova avventura - dice Raimondo Todaro - perché so che è una cosa che le sta molto a cuore. Sarà uno spettacolo dove piangi e allo stesso tempo ridi, insomma, unico nel suo genere.”

Ho suddiviso il racconto di Giusy in tre diversi colori, ad ognuno dei quali ho abbinato una canzone - ha aggiunto Daniele Stefani - alcune sono cover, altri sono inediti ma di sicuro tutti i brani regaleranno forti emozioni.

 

Giuseppina Versace, per tutti semplicemente “Giusy“, nasce Reggio Calabria il 20 maggio 1977 e vive nella città dello Stretto fino a vent’anni circa, quando poi il lavoro e la vita la portano prima a Londra e poi a Milano.
Il 22 agosto del 2005, Giusy lavora come Retail Supervisor per una grossa azienda nel campo della moda e durante una delle tante trasferte di lavoro, ha un terribile incidente automobilistico sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria, nel quale perde entrambe le gambe. Un evento che rimette tutto in gioco e che, per un carattere determinato come il suo, non ha mai avuto il significato di una resa! Dopo più di un anno e mezzo di duri allenamenti Giusy cammina di nuovo e decide di tornare a lavorare. Nel 2006 fondamentale è l’incontro con l’Unitalsi e il viaggio a Lourdes e nel 2007 torna a guidare. Nel 2010 inizia a correre con le protesi in carbonio e 3 mesi dopo è già ai blocchi di partenza del Campionati Italiani di atletica leggera. Diventa così la prima atleta italiana della storia a correre con amputazione bilaterale e la sua categoria è la T43. In 6 anni di piena attività, Giusy colleziona ben 11 titoli italiani e diversi record nazionali sui 60, 100, 200 e 400 metri.
Oltre a vincere, inizia a lanciare messaggi positivi invogliando la gente, che come lei vive delle disabilità, a non nascondersi, a non vergognarsi e ad avvicinarsi allo sport. Nel 2011 fonda la Onlus Disabili No Limits(www.disabilinolimits.org) di cui è tutt’oggi presidente e nel 2013 scrive la sua prima autobiografia “Con la testa e con il cuore si va ovunque” nella speranza che possa essere uno stimolo per chi vive ancora la disabilità con sofferenza. Nel marzo 2014 il suo sorriso arriva fino a Doha, nel Qatar, e diventa ambasciatrice della campagna internazionale di promozione dell’integrità sportiva tra i giovani “Save the Dream” insieme ad altri sportivi di fama internazionale tra cui Alex Del Piero.
Nel 2014, entra a far parte del cast di concorrenti della decima edizione del programma Tv Ballando con le stelle in onda su Rai 1, e vince in coppia con il ballerino Raimondo Todaro col 56% dei voti da parte del pubblico.
Il 28 maggio 2015 debutta nella conduzione del programma televisivo di Rete 4 Alive – La forza della Vita al fianco del biologo e naturalista Vincenzo Venuto. Dal 23 agosto 2015 conduce La Domenica Sportiva in onda ogni domenica su Rai 2 in seconda serata, in coppia con il giornalista Alessandro Antinelli.
Nello stesso anno, il 2015, la Versace debutta anche a teatro al fianco del ballerino Raimondo Todaro, portando in scena lo spettacolo tratto dall’omonima biografia pubblicata nel 2013, oggi parte della collezione Oscar Mondadori edizioni Best Seller.
Nel 2016 Giusy vince le sue prime medaglie internazionali agli Europei di Atletica con il seguente risultato: ARGENTO sui 200m – BRONZO sui 400m distanza quest’ultima che ha visto il suo esordio proprio nel 2016 dopo essere entrata a far parte del gruppo sportivo delle FIAMME AZZURRE. Nello stesso anno raggiunge il suo più grande obiettivo e partecipa alle Paralimpiadi di Rio entrando in finale nella gara dei 200m e chiudendo con un ottavo posto.

Presentazione dello spettacolo al Mondadori Mega Store Duomo il 31/05/2017.

Presentazione dello spettacolo al Mondadori Mega Store Duomo il 31/05/2017.

Il costo dell’ingresso è di €.20  (biglietto intero), 10 euro il ridotto (5-14 anni),€ 2,5  per i bambini sotto i 5 anni e gratuito per disabili.
I biglietti sono in vendita online sul sito del Teatro Manzoni e presso la biglietteria di via Manzoni 42 a Milano.
Per prevendita telefonica: numero verde 800 914 350 (attivo da rete fissa, in orari di cassa).
Per informazioni: telefono 02 7636901 – cassa@teatromanzoni.it. La serata, che avrà inizio alle ore 20.45.

Sold out da giorni per la Prima al Manzoni di Milano. 

 

In un teatro stracolmo, il debutto di Giusy Versace in versione attrice e ballerina nel suo nuovo spettacolo “Con la testa e con il cuore si va ovunque” incanta ed emoziona il pubblico. Erano attese forti emozioni e così è stato! Giusy Versace, da tutti conosciuta per i suoi successi sulle piste di atletica, per la conduzione della “Domenica Sportiva” e soprattutto per la vittoria a “Ballando con le Stelle”, ieri sera ha saputo incantare ed emozionare il pubblico di un Teatro Manzoni già sold out da diversi giorni, interpretando se stessa nella sua seconda vita. Quella senza gambe, quella iniziata in quel tragico 22 agosto del 2005 ma che, come sottolinea nelle battute finali, l’ha resa una donna migliore. Un messaggio forte, epilogo di uno spettacolo di un’ora e 10 minuti, diretto dal regista e attore Edoardo Sylos Labini, che è stato un crescendo coinvolgente di emozioni e messaggi positivi.
Come accade nell’omonimo libro da cui è tratto, il sipario si alza sugli ultimi minuti che precedono l’impatto contro il guard-rail sulla Salerno Reggio Calabria. La prosa, incalzante e piena d’angoscia, è alternata da un ballo molto intenso con Raimondo Todaro sulle note de “La Cura” di Franco Battiato, riarrangiata da Daniele Stefani e accolto da fragorosi applausi. Il pathos è molto forte e aumenta ancora di più nelle successive scene quando Giusy si risveglia in ospedale e vede il lenzuolo vuoto dal ginocchio in giù. Anche qui, le note di “Bohemian Rhapsody” dei Queen e un paso doble con Todaro fanno venire i brividi e calano il pubblico nel dolore di quei momenti.
Il registro cambia e diventa più leggero dal momento in cui inizia il percorso riabilitativo e Giusy entra in un nuova dimensione, conosce il popolo degli invalidi e assapora una nuova normalità. Giusy e Raimondo si esibiscono in un freestyle in carrozzina sulle note del brano scritto e composto da Stefani “Non aver paura”, concluso con l’ovazione del pubblico.
Da lì lo spettacolo diventa un crescendo di pagine e passaggi ironici e pieni di positività. I primi passi, la prima volta al mare, l’incontro con il fidanzato Antonio (che entra in scena fischiettando), la prima corsa assieme al fratello Domenico, il tutto intervallato da un Jive sulla musica di Elvis Presley, fino ad arrivare ad un altro importante tassello di questa storia: Il viaggio a Lourdes. Un viaggio che rappresenta una svolta importantissima, ovvero il momento in cui Giusy elabora il dolore e lo trasforma in nuova forza. Il video della sua testimonianza di fronte ai fedeli è da pelle d’oca, un discorso che rappresenta il suo “manifesto” di vita e di fede, seguito dalle vibranti note della canzone Hallelujah di Leonard Cohen, reinterpretata da Stefani.
Si apre poi il capitolo atletica leggera. Sul mega schermo scorrono i suoi successi, quelli che l’hanno resa una donna potente e libera. Un’altra sfida affrontata e vinta a testa alta, a dispetto di chi non credeva in lei, che ha particolarmente emozionato il pubblico il quale ha ripagato con un lunghissimo applauso.
L’ultimo ballo è l’emblema della felicità. Con le protesi da corsa tempestate di Swarovsky, Giusy e Raimondo volano leggiadri in un quickstep che li ha resi invincibili anche a “Ballando con le Stelle” sulle note di “Sing, Sing, Sing” e il pubblico, in piedi, accompagna con un appaluso ogni passo.
Il finale, come nel libro, è uno straordinario elenco di cose belle e positive che Giusy ha imparato dall’incidente ad oggi, un elenco che racchiude il segreto del suo successo e il motivo del suo sorriso: “Oggi sono una donna migliore, più ricca. Se avessi una bacchetta magica e un solo desiderio da esprimere, una cosa è certa ... non tornerei mai indietro!” e anche qui, standing ovation.
Penso di aver lanciato una nuova, coraggiosa attrice” queste le parole di un entusiasta Sylos Labini accorso velocemente sul palco per abbracciare Giusy. “Erano tanti anni che non vedevo una standing ovation durante uno spettacolo teatrale – ha proseguito il regista - La lezione di vita restituita ieri sul palco del Teatro Manzoni è qualcosa che gli spettatori si porteranno nel cuore per sempre. E vedrete, abbiamo ancora un po’ di sorprese!”
Dopo una lunga celebrazione, la Versace ha voluto ringraziare gli sponsor che hanno contribuito a realizzare questa serata e che permetteranno di devolvere l’intero incasso alla onlus Disabili No Limits. Tra questi, Andrea Bolla di Vivigas, Gian Paolo Accorsi di PMG Italia e Giuseppe Pannuti di Divani & Divani by Natuzzi. Un ringraziamento speciale è stato rivolto anche al presidente del Tribunale di Sorveglianza Giovanna Di Rosa che ha accolto ed esaudito il desiderio di Giusy, atleta della sezione paralimpica delle Fiamme Azzurre, di invitare un gruppo di detenuti del carcere di San Vittore.
Vedere un Manzoni così gremito e sentire tutti quegli applausi è stata una grandissima emozione – ha dichiarato la Versace - Sentivo l’energia che saliva dalla platea e, a mia volta, spero di aver trasmesso anch’io al pubblico forti sensazioni e messaggi positivi. D’altronde questo era lo scopo per cui ho scritto il libro e portato in scena questo spettacolo. Non mi aspettavo infine di vedere così tanta gente aspettarmi nel foyer per autografare le copie del libro. E’ stato tutto meraviglioso, come vivere in un sogno”.
Lunga la lista dei VIP presenti in sala. Da Giorgia Surina a Valeria Marini, Platinette, Jo Squillo, Simona Atzori, Luna Berlusconi, Vince Tempera, Alma Manera, Sarah Maestri, Federica Di Martino, Paola Lavini, Alessandra Moschillo, Mino Taveri e Roberta Ferrari.
“Con la testa e con il cuore si va ovunque'' non si ferma qui. A fine estate l’intenzione è quella di portare lo spettacolo a Norcia, in occasione dell’anniversario del terremoto. In autunno, invece, il teatro Golden di Roma ospiterà ben tre date: 17, 18 e 19 ottobre. Sono poi previste tappe nelle città di Bologna, Firenze e Venezia, le cui date saranno presto svelate.

#conlatestaconilcuoresivaovunque - @giusyversace 


TEATRO MANZONI
Via Manzoni 42
20121 Milano
Tel. 02 7636901 – Fax 02 76005471 – www.teatromanzoni.it – stampa@teatromanzoni.it

Condividi su:

Festival della Bellezza, Verona, 1/11 giugno – 29/31 agosto

I Maestri dello Spirito

Chi ha detto “di bello non ci sono che le cose inutili” conosceva il potere eccentrico del superfluo che diventa indispensabile. Quando il privilegio si fa necessità, la bellezza irrompe nel cosmo dei desideri e genera un inesorabile big bang di proporzioni quasi impercettibili. Così, irriducibili flâneur, si passeggia nelle sere estive tra giardino e teatro, arena e labirinto, sulle orme ispirate dei Maestri. I pollini dei loro pensieri fluttuano alla brezza notturna, al suono di insidiose riflessioni e sconcertanti visioni. Implacabili pensieri si attardano intorno alla Bellezza che, sottile e maestosa, palese ed enigmatica, sorride inafferrabile.


Verona: 1/11 Giugno – 30/31 Agosto
TEATRO ROMANO | ARENA | GIARDINO GIUSTI

festival_bellezza_2017

PROGRAMMA

  • 1 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Ute Lemper – Berlin days, Paris nights
    Un viaggio musicale dall’irrequieta anima berlinese in Weill, Brecht e le canzoni del Cabaret, alla suggestione poetica della chanson francese con i capolavori di Jacques Brel e Edith Piaf, fino all’approdo in Argentina con il Tango Nuevo di Piazzolla.
  • 2 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Toni Servillo – Interprete della bellezza, bellezza dell’interpretazione
    Dai classici del teatro a capolavori del cinema d’autore: l’attore si fa protagonista nel racconto dell’arte dell’interpretazione ad evocare il disincanto e la caustica ironia di suoi memorabili personaggi. È destino del grande attore prendere il volto della sua nazione dinanzi al mondo.
  • 3 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Vinicio Capossela – La forza del destino: Odissea musicale di Vinicio Capossela
    Un concerto speciale in cui Vinicio ripercorre dagli inizi il proprio itinerario artistico intrecciando la visionarietà poetica delle sue canzoni più memorabili con quella di personaggi e arie di opere verdiane.
  • 5 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Morgan – David Bowie
    L’eccentrico dandy, in un concerto espressamente creato per il Festival della Bellezza, omaggia la rockstar britannica con una selezione di riletture dei suoi classici più belli. L’enfant prodige incontra l’uomo che cadde sulla terra: identificazione musicale nell’estraneità extraterrestre.
  • 6 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Umberto Galimberti – La sapienza greca
    Alla scoperta del nostro modo di pensare, tra gli antenati che ci sono Maestri. Le grandi questioni esistenziali tra chi per primo se le pose, dall’origine del mondo al senso della vita, dal valore della bellezza alla via per la felicità.
  • 7 giugno – ore 18,30
    Giardino Giusti
    Massimo Recalcati – Lacan e il desiderio
    Dal piacere di Freud al desiderio di Lacan, i concetti che cambiano l’autocomprensione e il destino del genere umano. Origine e meta dei percorsi dell’Io negli ambivalenti rapporti con l’inconscio tra pulsioni e simboli, reale e immaginario. La poesia come trauma e direzione del linguaggio.
  • 7 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Federico Buffa – Muhammad Ali: A night in Kinshasa
    Spettacolo multimediale in prima assoluta sulle gesta di una delle grandi icone del secondo Novecento. Focus su “The rumble in the jungle”, la notte più incredibile della storia dello sport, in cui The Greatest si impone nell’immaginario di una generazione. Musiche composte ed eseguite al pianoforte da Alessandro Nidi.
  • 8 giugno – ore 18,30
    Giardino Giusti
    Gloria Campaner – I romantici Chopin e Beethoven
    L’indomito spirito creativo romantico in un concerto che ne esprime sensibilità e tonalità. I cieli tempestosi si tramutano nello splendore dell’attimo di un chiaro di luna, l’anelito all’indipendenza si specchia nello struggente e delicato ardore del sentimento.
  • 8 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Goran Bregovic – Goran Bregovic and The Wedding & Funeral Orchestra in concert
    Concerto dai ritmi travolgenti, mix scoppiettante di jazz, tango, ritmi folk slavi, polifonie sacre ortodosse e chitarra elettrica. Il grande musicista si esibisce con una formazione d’eccezione che si raddoppia con l’aggiunta di nuovi strumenti e sonorità.
  • 9 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Vittorio Sgarbi – Michelangelo
    In scena un’irrituale indagine sull’estro e l’indole del più eclettico genio artistico, nelle connessioni con gli spiriti eletti di un’epoca di insuperati prodigi. L’uomo e il divino s’incontrano tra marmi splendenti e sulla volta di un immenso granaio. Musiche composte ed eseguite dal vivo da Valentino Corvino, elaborazioni visive di Tommaso Arosio.
  • 10 giugno – ore 18,30
    Giardino Giusti
    Beppe Severgnini – Poeti e scrittori in redazione
    Montale, Flaiano, Sciascia, Buzzati, Pasolini, Calvino in versione prime firme: lo sguardo sul quotidiano di chi compone per l’eternità nella collaborazione col Corriere. Neppure il rullo compressore della cronaca insidia la poesia nella rotativa.
  • 10 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Massimo Cacciari – Il Don Giovanni di Mozart
    Contrappunto illuminista alla commedia dell’arte, rime e accordi in controcanto alla tradizione e in sintonia con Diderot. Filosofia e musica dialogano su domande poste di nascosto e spiazzanti risposte sottintese, tra eros e comicità. Interventi musicali al pianoforte di Edoardo Strabbioli.
  • 11 giugno – ore 21,30
    Teatro Romano
    Philippe Daverio – Picasso
    La massima griffe dell’arte moderna, l’artista che si fa insuperabile modello, l’onnipotenza del creatore. “Io non cerco, trovo”. L’occhio sensuale e la metabolizzazione degli stili innovano per sempre lo sguardo gettato dall’arte, nessuna visione sarà più la stessa. Al pianoforte Ilaria Loatelli.
  • 30 e 31 agosto – ore 21
    Arena di Verona
    Ennio Morricone – The 60 Years of Music World Tour
    Ultimi concerti in Arena del più celebre compositore contemporaneo, appuntamento conclusivo della sua tournée mondiale, con i grandi classici, da C’era una volta in America a Mission, fino alle musiche dell’Oscar per l’ultimo film di Tarantino. Ospite d’onore la grande cantautrice Dulce Pontes.

 

TO BEAUTY AND BEYOND
Dall’1 all’11 giugno al Teatro Romano di Verona, Alessandro Lonati, presentato da Grossetti Arte, sarà in residenza al Festival della Bellezza, proponendo due tensosculture di dimensioni scenografiche all’interno delle quali, creerà estemporaneamente una composizione rinnovata per ogni sera.


Tutti gli incontri hanno un format teatrale, con immagini, filmati e musica dal vivo.
I biglietti del festival sono disponibili in prevendita presso il Verona Box Office, i circuiti Geticket (filiali Unicredit, punti vendita e call center 848 002 008) e TicketOne, o online su www.geticket.it, www.boxofficelive.it, www.ticketone.it.
Eventuali biglietti ancora disponibili sono in vendita prima degli spettacoli.
I soci IDEM possono ritirare presso il Verona Box Office i biglietti a condizioni di favore: 8 biglietti omaggio e sconti su eventuali altri biglietti (30% per la platea numerata di Lemper, Capossela, Morgan, Buffa, Sgarbi, 50% gli altri).
L’adesione all’associazione (60€, 50 il rinnovo, 40 chi ha meno di trent’anni) è possibile presso il Verona Box Office, la Libreria Antiquaria Perini e tramite il sito www.idem-on.net.
Gli studenti dell’università di Verona, grazie alla convenzione con ESU, hanno diritto al 50% di sconto sui biglietti a parte quelli di platea numerata al Teatro Romano per i quali è previsto uno sconto del 20%; altri studenti e dipendenti di ente promotore e sponsor hanno diritto a uno sconto del 20%. I biglietti scontati sono disponibili presso il Verona Box Office e il circuito Geticket.
È possibile abbonarsi al festival presso il Verona Box Office o tramite il call center Geticket. L’abbonamento di 90€ (40 per i soci IDEM) dà diritto al posto riservato in platea in 9 eventi: 6 al Teatro Romano (Lemper, Servillo, Villaggio, Galimberti, Cacciari, Daverio) e i 3 al Giardino Giusti. Per eventuali altri biglietti sono previsti gli stessi sconti dei soci Idem.
L’abbonamento può essere prestato, non è nominale.

FestivalVerona: Via Santa Maria in Chiavica 3, Verona
http://www.festivalbellezza.it - info@festivalbellezza.it - @FestivalBellezza
Contatti e Comunicazione
Direttore artistico: Alcide Marchioro: direzione@festivalbellezza.it
Responsabile organizzativo: Alessandra Zecchini: org@festivalbellezza.it
Comunicazione: Marilisa Capuano: stampa@festivalbellezza.it
IDEM: info@idem-on.net

Teatro Romano
Arena
Il Giardino dei Giusti
Verona

Condividi su:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi