SiteLock

Da Milano all’Oriente di Pasolini, Urban Center, Milano

Lunedì 9 maggio ore 18.00
Ingresso libero fino a esaurimento posti


"Pasolini è stato il primo al mondo a fare saggi di linguistica e anche cinema. Mentre tutti gli altri facevano solo letteratura e saggistica o decidevano di dedicarsi solo al cinema, lui ha fatto l’uno e l’altro, portandoci a suo modo, all’interno del suo lavoro, le conoscenze linguistiche che aveva maturato studiando e elaborando nuove possibili visioni".
Roberto Villa

Pasolini ritratto da Roberto Villa

Pasolini ritratto da Roberto Villa

Il fotografo Roberto Villa incontra Pier Paolo Pasolini a Milano nel 1972.
Il poeta e regista friulano è in procinto di girare "Il fiore delle mille e una notte", ultimo film della “Trilogia della Vita”. Da questo incontro nasce un documento unico: oltre 300 scatti che raccontano l’esperienza dei cento giorni trascorsi sul set del penultimo film realizzato da Pasolini.
Fu lo stesso regista a invitare il fotografo a seguirlo in Iran e nello Yemen, per seguire le fasi di lavorazione del film nel suggestivo scenario delle città di Isfahan e di Sana’a e molte altre come le immagini mostrano.
Roberto Villa rimase sul set per ben cento giorni e, oggi, attraverso i suoi scatti, abbiamo a disposizione uno straordinario documento che ci mostra Pasolini e la sua troupe al lavoro sul set del filmNon un semplice backstage, ma una rappresentazione reale e fiabesca al tempo stesso delle persone e dei luoghi che fanno da sfondo all’opera di Pasolini.
La proiezione di una selezione delle fotografie di Roberto Villa offrirà l'opportunità di parlare del cinema e della poesia di Pasolini insieme al regista Max Mazza e al giornalista Roberto Mutti.
Introduzione e lettura di poesie a cura di Francesco Meola e Mele Ferrarini.


Roberto Villa, nato a Genova il 21 settembre del 1937, risiede e lavora a Milano. Laureato in elettronica, ha costituito nel 1957 la società AudioVisualCommunication, che, oltre a operare come studio fotografico e pubblicitario, svolge anche attività di didattica nell'ambito della comunicazione audiovisiva. Dopo avere partecipato con Bruno Munari e Marcello Piccardo a progetti di ricerca e didattica sul linguaggio audiovisivo, Villa ha studiato computergrafica al MIT (Massachussets Institute of Technology). Dal 1966 al 1969 dirige a Genova la Galleria di arte d'avanguardia “Carabaga”, frequentata da Ceccato, Chiesa, Fontana, Laura, Munari, Quartucci e Strehler.
In quel periodo, inizia a collaborare con la televisione realizzando numerosi 'caroselli' e scrive articoli per il quotidiano “Il Lavoro” di Genova, per la rivista di fotografia “Popular photography” e per altre testate. Nel 1967 Villa inizia l'attività di fotografo e nel 1969 assume l'Art Direction della rivista “Fotografiamo”. Dal 1973 diviene collaboratore di “Playboy” e realizza numerosi servizi fotografici anche per “Vogue”, “Photo Magazine”, “Harper's Bazaar”, “Esquire”, “Photo13”, “Epoca”, “National Geographics”, “Manchete”, “Amica”, “Gioia” e “Grazia”. Nel 1973 viene invitato da Pier Paolo Pasolini a fotografare le riprese del film Il fiore delle Mille e una notte, nello Yemen e in altri paesi. L'anno dopo, è sul set del film di Alberto Sordi, Finché c'è guerra c'è speranza e realizza un ampio servizio fotografico, anch'esso conservato nel Fondo Villa della Cineteca di Bologna.
All'inizio degli anni Settanta collabora con la RAI come assistente alla regia e nel 1973 realizza una serie di documentari televisivi sullo spettacolo “Pilato sempre”, diretto e interpretato da Giorgio Albertazzi. Nel 1974 estende l'attività della sua agenzia, che da allora collabora con Aiwa, Mitsubishi, Tandberg, Olympus, Philips, Canton, gli editori Rusconi e Rizzoli. Inoltre la AudioVisualCommunication è la prima ad adottare il PC IBM, importato dagli Stati Uniti.
Nel 1981 realizza una lunga serie di registrazioni di musica Jazz interpretata da Eddie Miller, Lino Patruno, Severino Gazzelloni, Spigle Wilcox, Enrico Intra, Bud Freeman, Carlo Bagnoli, Teddy Wilson, Tullio De Piscopo e W.B. Davison, edite in LP e CD.
Negli anni Ottanta collabora all'”Enciclopedia Multimediale” Grolier, a “La Domenica del Corriere” (adottando in modo pionieristico l'illustrazione digitale e la foto elettronica), a “Millecanali”, all' "Enciclopedia Multimediale" edita da Kosmos, al “Fotonotiziario” (dove introduce Video Broadcast e Compurtgrafica). Nel 1988 è incaricato della direzione tecnica della rivista “Monitor”; nel 1992 è responsabile della fotografia digitale per la rivista “Creative”; nel 1994 è direttore tecnico di “Geotec”, rivista di Architettura e tecnologie per l'edilizia.
Svolge anche un'intensa attività didattica: nel 1968 tiene seminari sulla ripresa e regia televisiva per l'AFIP; dal 1977 al 1980 insegna semiologia e fotografia presso l'Istituto Europeo di Design a Milano; nel 1979 dirige i corsi di formazione professionale per Sharp sulle tecniche di ripresa; nel 1990 collabora con la Thomson France, partecipando a stage sull'utilizzo del digitale. Nello stesso anno progetta e conduce il corso di scenografia digitale per il COR (Centro Operativo Regione Lombardia). Nel 1993 partecipa al Sicof '93 e a Icographics '93 con il progetto di fotografia virtuale cui lavora da oltre un decennio e l'anno successivo organizza un convegno sulla “Realtà virtuale” a Milano cui partecipano rappresentanti di FIAT Design, Alitalia, IBM, Silicon Graphics, FIAT Communication, Politecnico di Milano e altri enti e istituzioni. Nel 1995 cura un ciclo di seminari per la Facoltà di architettura dell'Università di Milano e dal 1996 tiene corsi di comunicazione e nuove tecnologie per la Regione Lombardia. Dal 1998 progetta e tiene corsi per il Fondo Sociale Europeo: i primi sono incentrati su “Archiviatore Multimediale di Beni Culturali”, “Esperto in Telelavoro e Internet” e “Art Director Multimediale”, nel 1999 su “Fotografo Digitale”, nel 2000 su “Esperto in Telelavoro e Internet”.
Nel 2008 ha donato alla Cineteca di Bologna il suo archivio, comprendente fotografie, pubblicazioni e prezioso materiale tecnico audio, video e fotografico che ha utilizzato durante la sua attività, tuttora in corso.


Urban Center
Galleria Vittorio Emanuele, 11/12
Milano
tel. 02.884 56555 - fax 02.884 52401

via Pier Paolo Pasolini, il 7/05/2016 viene dedicato il nuovo tratto viario adiacente a via Daimler, a Milano Gallaratese

viA Pier Paolo Pasolini, il 7/05/2016 viene dedicato il nuovo tratto viario adiacente a via Daimler, a Milano Gallaratese

Condividi su:

I commenti sono chiusi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi